domenica 27 marzo 2016

@denteo renzini: the great gig in the sky mi piace ma non sono mai riuscito a capire le parole, devo perfezionare ancora un po' il lio inglese

probabilemente saranno 15 anni che non ascoltavo the dark side of the moon
i casi sono 3
non ci sento piu' come prima
non cio' piu' la memoria di una volta
o i sterii con i quali lo ascoltavo erano merda

scoltandolo o sentito robe che prima non avevo mai sentito



il disco e' quello che e'...gnente a che vedere con i dischetti per bebbati forte
loudnesizzati tipo le canzoni trasmesse da radio maria....
e' un disco inciso nei anni 70...quando ormai tutto era finito...ma probabilemente i pink Floyd o il loro tennico di mischiaggio non era un pirla..era due pirla......e a curato di piu'  il suono delle sveglie, dei registratori di cassa e dei rumori  che quello dei strumenti e delle voci.................


la voce di great gig in the sky....che da solo vale una collezione di dischi e che e' anni duce piu' meglio di tutti i the wall  e dei vorrei che fossi qui ma intanto sto' lontano.......ma ovviamente bisogna averci la crapa e lorecchio per capirlo............
la voce dicevo a volume un po' arto...e' meno naturale che un dischetto di una diana krall di merda qualsiasi....ma ti prende......ti fa sudare e ti fa venire le lacrime ai occhi.....almeno a me mi fa quel effetto li...


adesso sto' ascoltando the division bell...ma non e' che mi prende piu' di tanto....poi..ancora un paio di dischi e sono pronto per mangiare la pastina ...pasta fatta in casa coi uovi di pasqua...............