domenica 22 gennaio 2017

patacca aghein

Convincente la qualità di registrazione, con un registro alto dinamicamente vivace e un buon corpo sulle medie, segno che il sound engineer ha voluto assecondare la valenza onomatopeica che hanno molti dei pezzi, avvalendosi di una particolare tecnica di registrazione.

È un po' come l'effetto "flou" in fotografia, quella sfocatura controllata che porta alla percezione d’immagini dai contorni incorporei ma dotate di grande luminosità.



L'impressione è che non si tratti di una pioggia ristoratrice quanto piuttosto l'affermarsi di un linguaggio enigmatico, il quale si snoda e penetra sottilmente nella coscienza
È nato un nuovo genio pianistico?
Non saprei, ma ho il forte sospetto che questo sia avvenuto...




 da quando e' emigrato  il suo villaggio cerca inutilmente un nuovo scemo
alla sua altezza...............