domenica 5 febbraio 2017

esso li ama

MKT (February 4 11:27PM )
Posts: 1,925Member
Dal numero 0 di videohifi > Giovanni Aste

Due parole sul carattere...
Vivere con un Lowther non e' facile. Le sue eccellenti prestazioni nel dominio del tempo mettono a dura prova i setup a monte.
A partire dal SW.
Ci sono CD (o dischi) che sono letteralmente inascoltabili se passati sotto la radiografante precisione di un PM2. E cosi' tutto il resto del sistema. Qualsiasi cambiamento (a partire da un cavo) diventa macroscopicamente evidente.
Anche da giorno a giorno ci sono sostanziali differenze (quasi sicuramente dovute alla differente qualità dell'energia elettrica.
In realtà ciò accade anche con qualsiasi impianto degno di questo nome, ma con i Lowther e' come avere una potente "lente d'ingradimento".

Vorrei invece smitizzare la storia che vede questi altoparlanti utilizzabili SOLO con i monotriodi da 1 watt e rotti. Li ho ascoltati anche con amplificazioni a stato solido e, sebbene preferisca l'accoppiata con i tubi , non mi sembra affatto che disdegnino la cosa, è più una questione di gusto personale.

Bisogna comunque dire che il suono che scaturisce da questi oggetti e' particolare e non a tutti piace. Alcuni vedono il lato negativo e lo giudicano colorato, poco esteso, altri invece godono degli aspetti complementari e lo vedono estremamente dinamico, vivo, reale.
Secondo me molto dipende dai setup in cui questi vengono inseriti, spesso non ottimizzati per l'altoparlante e dal fatto che per ascoltare un Lowther bisogna prendersi un periodo di "acclimatamento" e non giudicare in fretta.

Comunque e' vero, sono oggetti che si amano o si odiano.

E io li amo.
 
 
 
inutie conmentare i deliri di un cretino..............tanto sono cretini anche quelli che ci credono a quello che scrive...........
te va'...metto la foto di gruppo ...non so se nella foto dela mandria ce' anche esso ....  ma comunque la razza e' quella li.........quella dei cretini docg premier cru
 
 
Risultati immagini per giovanni aste videohifi