martedì 18 aprile 2017

e le tronbette?

FullHorn e feccia...

Moderatore: F.Calabrese

FullHorn e feccia...

Messaggioda F.Calabrese » lunedì 17 aprile 2017, 19:47
da VHF:

Bluenote ha scritto: 19:14 (April 17 07:14PM )
Posts: 4,677Member

Ho visto le foto ed il basso a tromba mi ricorda, lo dico da profano, quello dell'innominabile, i cui commenti ora sono curioso di leggere.
Il sub sarà vendibile anche a parte e che potenza deve avere l'ampli per pilotarlo ?
Comunque stavolta non posso che fare i complimenti a Franco che sembra essersi effettivamente convertito sulla via di Damasco, o era Ferrara, vero Alex?


Si parla del basso a destra nella foto qui sotto.

Immagine

Ecco... Proviamo a buttar giù due o tre considerazioni, in ordine...

1)- Il fatto che Dufay si sia ricreduto sulle trombe significa non solo e non tanto che non ne ha mai capito assolutamente nulla, né in passato né ora... significa che i suoi giudizi sono asserviti solo e soltanto alla sua convenienza spiccia del momento... nel senso che se lui non è in grado di vendere un basso a tromba a qualcuno... allora quei bassi fanno schifo... ma se lui (grazie ad un amico) è in grado di mettere sul mercato qualcosa di simile... allora ecco che magicamente i bassi a tromba diventano l'Ottava Meraviglia...! E ci sono fessi che gli danno ancora credito...!!!

2)- Quel basso a tromba è inevitabilmente mal progettato, come si deduce dall'espansione dell'ultimo tratto (l'unica visibile): d'altra parte come potrebbe mai un simpatico ristoratore, che lavora anche nei fine-settimana, trovare il tempo di studiare la complessa teoria di questi sistemi...? Beato chi ci crede e beati i boccaloni che credono alle iperboli degli amici-recensori...

3)- Il caso di Talex è incredibilmente indicativo di quanto siano "furbi" certi autocostruttori, che si presentano per i forum con aria dimessa ed alla ricerca di consigli ed informazioni, ma poi si guardano bene persino di postare UNA immagine dell'interno dei loro diffusori... Come dire che l'Open Source è una cosa per i fessi, mentre loro, che sono furbi, se la ridono... Come potete vedere, ho fatto benissimo a cancellarlo dagli utenti operativi qui.

4)- Infine parliamo di scopiazzamenti. Tutto può essere scopiazzato, ma nel caso dei sistemi a tromba accade che il costo di trasduttori e scocche sia comunque talmente elevato che anche una copia non può certo costare due spicci. E poi una vera copia necessita dello stesso trasduttore. Ora ditemi voi se è possibile che ancora oggi -nel 2017- esistano appassionati così boccaloni da spendere cifre simili a quelle che occorrerebbero per un Fullhorn serio, per portarsi a casa lo scarto di un autocostruttore/scopiazzatore che sta facendo prove e -di conseguenza- vende quel che gli è riuscito peggio.

5)- Infine parliamo di rendimento: Talex & Co parlano di un rendimento "a parita' di woofer 7 db in meno medi..." rispetto ad una cassa chiusa...
Ora fate bene attenzione: il basso nella foto in alto è in angolo... mentre quello della risposta qui sotto (al link) è al centro di una parete ED E' 10 dB PIU' EFFICIENTE DEL REFLEX CON LO STESSO WOOFER. Per fare un confronto serio, vale a dire numerico, dovreste aggiungere almeno tre (se non sei) dB al confronto con un diffusore reflex (curve in basso nel grafico qui sotto...) che -a sua volta- è sicuramente 3-5 dB più efficiente dell'analogo a sospensione pneumatica o cassa chiusa che dir si voglia. Dunque la vera differenza tra un sistema VERO a tromba ed una cassa chiusa è di 10 + 3 + 3/5 = 16-18 deciBel... e non i miseri 7 dB di cui parla Talex. Dunque il suo sistema NON è a tromba, ma è una linea di trasmissione priva di assorbente, pilotata da un cono in cassa chiusa. Caso in cui le bassissime vantate posso pure esserci.

https://farm1.staticflickr.com/637/3330 ... 3ceb_b.jpg

In sintesi: come è possibile -nel 2017- che ci siano ancora appassionati disposti a farsi trattare da poveri deficienti in un forum dove è "innominabile" chi ha progettato e realizzato impianti semplicemente stellari... mentre non c'è problema a pubblicizzare i diffusori di un commerciante di vernici o quelli di un bravissimo cuoco...??? Non vi sentite stupidi a postare lì ed a farvi spernacchiare ogni giorno un poco...???

Saluti
F.C.
F.Calabrese
 
Messaggi: 29141
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma

Re: FullHorn e feccia...

Messaggioda F.Calabrese » lunedì 17 aprile 2017, 20:13
Mi raccomando di leggere questo thread per quello che è: un semplice ragionamento sul masochismo di tanti appassionati che accettano di postare in spazi dove è "innominabile" chi opera e scrive seriamente... mentre i più sfrenati coglioni possono darsi le arie di esperti...

Dimenticando le loro parole anche di pochi mesi addietro...

Saluti
F.C.
F.Calabrese
 
Messaggi: 29141
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma

Re: FullHorn e feccia...

Messaggioda drews » martedì 18 aprile 2017, 10:18
In ogni caso non mi sorprende il fatto che anche una linea di trasmissione pilotata da un cono in cassa chiusa, vada decisamente meglio di un dcac.

Un dcac a parte sfoggiare misure molto buone sui vari simulatori e sistemi di misura, e' uno dei bassi piu monocorde che si possa immaginare.

D'altronde un misero tubicino, come fa ad interfacciarsi correttamente con l'ambiente?
drews
 
Messaggi: 17
Iscritto il: mercoledì 10 aprile 2013, 23:08
Località: Roma

Re: FullHorn e feccia...

Messaggioda elettro » martedì 18 aprile 2017, 10:36
La "Cosa" più interessante risiede nel fatto che, con quella tromba espnenziale rovesciata corretta nel modo adeguato, seguita dalla inserzione di un midrange ed un Tw a tromba al di sopra del cabinet, egli avrebbe risolto brillantemente il suo obiettivo, dare sollievo ai clienti del negozio...
Peccato avere realizzato dei veri e propri "Totem"...forse era una mostra...
elettro
 
Messaggi: 1370
Iscritto il: venerdì 3 maggio 2013, 9:13

Re: FullHorn e feccia...

Messaggioda F.Calabrese » martedì 18 aprile 2017, 11:07
Io obbietto il fatto che un certo giro di personaggi sta seminando una quantità immensa di corbellerie, alla quale molti ingenuamente credono...

Prendiamo il caso della mitizzazione di Nelson Pass, che è un esempio assai calzante di come sia facile sragionare...

Da wikipedia vi trascrivo le prime righe della biografia di Pass:
Studies, PMA and ESS
In 1974, he received his BS in physics from the University of California-Davis. During his studies, he and Mike Maher founded the small speaker company PMA. From 1973 to 1974, he was employed at ESS to design speakers. Nelson Pass holds 6 patents related to magneplanar speakers.

Threshold
After graduating in 1974, he and René Besne founded high-end amplifier company Threshold Electronics on December 5, 1974. Later, Joe Sammut became the third partner. Threshold is perhaps best known for the "Stasis" amplifiers (a design later also produced under license by Nakamichi). He sold Threshold Electronics in 1997. The company continued without Nelson Pass under the name Threshold Audio.

Adcom
In the mid 1980s, Pass designed the well-reviewed Adcom GFA-555 amplifer. (segue)


Dunque Nelson Pass inizia come progettista di diffusori (talmente anonimi che non se ne ricorda nemmeno uno...) e poi passa agli ampli...

Quanto ai suoi schemi: quello dell'Adcom 555 è di una banalità assoluta... eguale a cento ampli di quegli anni e sicuramente meno sofisticato dello schema del Thomann T.Amp E-800 di oggi.

I vari circuiti "Stasis" ed il Cascode dei Threshold erano semplici espedienti commerciali, che in realtà non producevano che minime differenze all'ascolto ma costavano moltissimo in termini di complicazione del circuito e costo pezzi.

Ragionateci: se quegli schemi fossero così di valore... oggi ci sarebbero cento ampli cinesi basati su di essi, visto che i brevetti sono scaduti (ed i cinesi comunque se ne sarebbero infischiati).

In sintesi: siamo dinanzi al caso di un progettista di diffusori completamente anonimi, che poi si è reinventato nel settore ampli, progettando schemi macchinosi e per nulla geniali. Al confronto Peter Walker (Quad) è un genio planetario... come lo sono Blomley e Stochino, tanto per fare due nomi di VERI progettisti di ampli.

Da cosa deriva la popolarità di Nelson Pass...? Inizialmente è dovuta al battage pubblicitario delle aziende per cui ha lavorato. Poi sono subentrati quei patetici schemini d'accatto noti come "First Watt", che ha "generosamente" dato in pasto agli autocostruttori, beninteso senza avvertirli che in essi non esistono precauzioni contro le RF e molto altro. Schemi che nessuna azienda seria metterebbe in produzione...

Rifletteteci... a chi giova QUESTA Alta Fedeltà...?

Solo a chi deride gli appassionati.

Saluti
F.C.
F.Calabrese
 
Messaggi: 29141
Iscritto il: giovedì 23 settembre 2010, 16:18
Località: Roma

Re: FullHorn e feccia...

Messaggioda Bluenote » martedì 18 aprile 2017, 15:06
Mi dispiace davvero molto ad aver contribuito a scatenare questo piccolo putiferio.
A mio modesto avviso, bisognerebbe cercare di moderare i termini e avere gli animi più calmi, senza scannarsi a vicenda.
Magari conoscendosi di persona, sono convinto che gli atteggiamenti cambierebbero.
Alex tra l'altro è una persona veramente perbene e sempre disponibilissimo a dare consigli, (nel periodo in cui avevo i tre crossover Behringer per la multiampliamplificazione spesso stava fino a oltre mezzanotte a darmi le dritte sulle regolazioni da attuare) come d'altronde lo sei anche tu, ovviamente, Fabrizio.
Mi sto ancora divertendo come un matto con i sub Behringer economicissimi e non assolutamente audiofili :mrgreen: che mi hai consigliato di provare.

La vita è troppo breve e preziosa per incazzarsi così.
Io sinceramente cerco di prenderla come un gioco, non mi piacciono i discorsi sulle mafiette e quant'altro e sono assolutamente sicuro delle prestazioni eccezionali dei tuoi impianti, che spero un giorno di poter venire ad ascoltare.
Non essendo assolutamente un tecnico, mi sono azzardato a notare delle similitudini tra i due sub. Che poi non ce ne sia nemmeno una, va bene così.
L'hi-fi per me è soprattutto divertimento e passatempo. Senza musica e hifi mi sarei perso davvero molte cose belle della vita e poi sono comunque affezionato a tutti i principali forum dove ho quasi sempre incontrato davvero delle belle persone.
Di sicuro, c'è anche brutta gente e quella sinceramente preferisco evitarla.
Ciao
Maurizio
Bluenote
 
Messaggi: 188
Iscritto il: sabato 22 gennaio 2011, 17:07

Re: FullHorn e feccia...

Messaggioda F.Calabrese »
Immagine

Ebbene... in questa foto si vedono bene almeno due errori progettuali semplicemente terrificanti... diciamo tre... Si tratta di errori che con assoluta certezza compromettono la qualità dell'ascolto di quell'impianto.
Bene... ora ditemi voi cosa posso pensare io del forumer che racconta di essere andato ad ascoltare
quell'impianto e di averlo trovato eccellente...
E' uno con le orecchie foderate di prosciutto... oppure è in perfetta e totale malafede...?
 
 
 
 
 
o' capito male o qualcuno a' scoltato sto robo cosi' come si vede nella foto............?
cioe'...a' scoltato senza le tronbette sui draiver ?
 
 
io non ci credo........non puo' un tennico di fama spirante al ruolo di autorita' nazionale fare un simile errore.................