domenica 16 aprile 2017

io ci credo

Variable
Posts: 33Member
Ho le basi di Mino da due mesi sotto le mie PMC Twenty5.23. Non potrei mai più tornare indietro.

Confermo tutto ciò che è stato scritto e aggiungo che la differenza non è sottile ma imponente e immediata.
Chiunque, anche i più scettici (come ero io) verranno sopraffatti dalla percezione. Le voci perdono quell',edge" che non te ne accorgevi, ma c'era, e non c'è più. Così accade anche alle note del pianoforte, diventano più pulite, senza acuna microcoda. I bassi, poi, perdono le ridondanze negative e restano solo loro come dovevano essere.
La scena: si allarga, si alza e si declina su più profondità.
Insomma, io non so perchè funzionino (disaccoppiano ma non risuonano? Boh?) Fatto sta che le ho ascoltate senza e con e ho subito saputo che non avrei più potuto ascoltare senza. Mi sbilancio: il tutto migliora del 50%, laddove un cavo può fare il 3%.
Fate un pò voi.
 
 
io ci credo .................
fossi in voi ne conprerei 6 coppie...una da usare e 5 da tenere di scorta in caso che si ronpono.....si sa mai che interronpono la produzione per carenza di materie prime e non potete piu' migliorare del 50% quello che un cavo migliora del 3 e una pucciata nel lacua di lurd del 2..................